E tanto già lo so che l’anno prossimo gioco di sabato.

Sono passati dieci anni da quel pomeriggio afoso di maggio ma sembra ieri.  Ultima trasferta di campionato con noi che ci siamo già guadagnati l’accesso ai playoff regionali. Per la prima volta sentii parlare di turnover, perché alcuni erano in diffida. 0-1 fuori casa. E poi orecchie alla radiolina. La Juve, quell’anno, non l’avevo seguita. Giocavamo sempre di sabato, sia in casa che fuori, e la Serie B idem. Se guardo indietro a questi dieci anni mi viene da sorridere.

Sorrido perché si millantavano varie fantasie. Eh, ora che venite dalla B potranno tutti vincere il campionato, risulterete più simpatici. Nove campionati, 4 all’Inter, 1 al Milan, 5(+1?) alla Juventus. No, vincono sempre gli stessi.

Sorrido pensando al terzo ed al secondo posto tra il 2007 ed il 2009 con i campioni scesi in B e giovani che ora sono le colonne dell’attuale armata.

Sorrido pensando agli anni dei due settimi posti consecutivi. Una squadraccia, una società assente, 4 allenatori in 3 anni. Questi non si riprendono più.

Non può andare così, non può finire così. Il ritorno degli Agnelli, nella figura di Andrea, il progetto e la costruzione del nuovo stadio e l’impronta british avvicinarsi all’Europa che conta.

E poi Antonio Conte, un Capitano che ritorna per rialzare le sorti della squadra. L’ultimo campionato di Del Piero e una vittoria insperata. E’ l’inizio della fine, per le altre.

L’anno della conferma, l’anno del ritorno in Champions, l’anno delle omesse denunce e l’anno del box. E poi la sconfitta allo Stadium contro l’Inter, le polemiche col Genoa e l’uscita contro il Bayern Monaco.

La difesa a tre, la nascita della BBC e continuare a vincere, con l’arrivo di nuovi campioni. Con Tevez e quel 10 che rappresenta tanto per il popolo bianconero, forse tutto. La sveglia contro la Fiorentina e la neve di Istanbul sarebbero alibi per tutti ma non per la Juventus. 102 punti. Centodue. E l’amarezza di una finale europea da poter disputare in casa e svanita sul più bello.

Poi, il terremoto. I ristoranti da 100€ e Conte che, abbronzatissimo, lascia dopo un giorno di ritiro estivo. Arriva Allegri e la folla insorge. Le vedove di Conte e i fantasmi della paura. Le polemiche contro la Roma, le sviolinate e la sconfitta in Supercoppa. Il quarto scudetto di fila, la Coppa Italia dopo 20 anni e la maledizione delle finali di Champions League. Si dirà Allegri ha vinto con la Juve di Conte.

Riconfermarsi è sempre difficile. Il rinnovo tecnico della squadra. Via Vidal, Pirlo e Tevez. Dentro Dybala, Khedira, Alex Sandro e Mandzukic. Non vinceranno di nuovo, dicevano. E mentivano. Avvio in sordina, la lunga rincorsa e Zaza88. Il definitivo sorpasso e il record di imbattibilità di Gigi Buffon. Dopo 81 anni è di nuovo Quinquennio d’Oro. Un’altra Coppa Italia e giocarsela alla pari con il Bayern Monaco per 180 e più minuti.

Riprovarci ancora con interpreti diversi. Dissanguare gli avversari per restare competitivi in Italia ed Europa. I campioni vanno e vengono ma la Juventus resta. Vincere ancora e vincere di più, un’altra Coppa Italia, un campionato nelle nostre mani ed una nuova finale di Champions da giocare.

Ci ripenso, a questi dieci anni, e sorrido.

Sorrido al fatto che hanno provato ad affossarci definitivamente. Ci hanno reso immortali.

18580281_468569356810684_8026792692195262464_n(1)
Mercoledì abbiamo festeggiato un’altra grande vittoria e oggi la mente corre a 10 anni fa, alla caduta in B e alla promozione in Serie A. È li che tutto è ripartito. Abbiamo riscritto la storia. Una nuova storia. La nostra storia. (Gianluigi Buffon on Instagram)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...