Il calcio secondo chi lascia lo stadio al 85′ minuto

Da anni ormai, da quando il calcio ha accentuato il suo ruolo socio-economico nella cultura moderna attirando l’attenzione e la passione di una massa sempre più gremita di tifosi, negli stadi italiani (e non solo) si è diffusa una pessima abitudine: abbandonare lo stadio a pochi minuti dal termine, onde evitare di rimanere bloccati nel traffico del parcheggio come neanche Messi-Neymar-Suarez contro la difesa della Juve.

E allora, ancora in preda ai fumi dell’abbuffata (di cibo e di alcol) di Pasqua, Pasquetta e ponti vari, ci siamo chiesti: com’è cambiata la storia del calcio per coloro che lasciano lo stadio prima della fine delle partite?

  • Nel 2000, a 32 anni di distanza dalla prima (e unica) volta, l‘Italia vince nuovamente l’Europeo di calcio, dopo aver strenuamente difeso il gol di Delvecchio contro la Francia.
  • Nonostante un Adriano nel miglior periodo di forma della sua carriera, il 9 gennaio 2005 l’Inter non riesce ad avere ragione della Sampdoria, e perde 2-0 a San Siro.
  • Dopo aver vinto la Liga a 18 anni di distanza dall’ultima volta (1996), l’Atletico Madrid di Simeone conquista anche la Champions League, riuscendo ad avere la meglio – anche in finale – degli odiati cugini del Real Madrid.
  • È corso a casa per riuscire a guardare i rigori della Supercoppa Italiana 2006, dopo che l’Inter aveva un recuperato da un incredibile 0-3 contro la Roma, sempre a San Siro.
  • Non si sarebbe mai aspettato che la Germania riuscisse a sconfiggere il Brasile 7-0, per di più in una semifinale mondiale in casa verdeoro.
  • Dopo le pessime prestazioni (che hanno portato a 2 sconfitte) contro Sampdoria e Crotone, finalmente Pioli riesce ad invertire il trend negativo, e ritrova la vittoria proprio nel derby col Milan neo-cinese; a nulla è servito il gol di Romagnoli per accorciare le distanze.
  • Il Bayern Monaco 2011/12 era una squadra fenomenale, forse più forte di quello di Guardiola: se l’è meritata tutta la Champions vinta contro il Chelsea, all’Allianz Arena per giunta.
  • I petroldollari degli sceicchi del Manchester City non si sono ancora convertiti in trofei, e anche nel 2012 i Citizens si sono fatti beffare dai co-cittadini dello United, che hanno vinto così il loro 20° campionato (record inglese).
  • Peccato per il Barcellona che, nonostante il 3-1 finale, è stato eliminato dal PSG agli ottavi; d’altronde, rimontare un 4-0 era impossibile.
  • Non è esistito nessun Partido del siglo, perché l’Italia nel 1970 raggiunse la finale mondiale col Brasile dopo un facile 1-0 contro la Germania Ovest.
  • A 38 anni, finalmente il fuoriclasse tedesco Lothar Matthäus – dopo aver vinto pure un Europeo, un Mondiale e il Pallone d’Oro – riesce a conquistare la Champions League, nella finale di Barcellona contro il Manchester United.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...