Fantacalcio 2015-16: i consigli di IZC

Prima vennero i turni infrasettimanali e i turni di Coppa al giovedì, ora ci si mettono pure gli organizzatori con l’introduzione del trequartista (e perché non quella del centromediano metodista, allora?): ogni anno se ne inventano sempre una per far bestemmiare gli appassionati del fantacalcio, ma noi non demordiamo facilmente.

Ecco quindi un po’ di consigli (obbligatoriamente non richiesti) su come comportarvi all’asta che si terrà nei prossimi giorni, mentre pregherete che non vi vendano all’estero il campione strapagato di turno (altra cosa inspiegabile, la fine del calciomercato dopo l’inizio del campionato), e mentre litigherete con i vostri amici, insultandoli fino al 17° grado di parentela.

Fonte: flickr.com
Fonte: flickr.com

PORTIERI

CERTEZZE: Buffon (Juve, 17 fantamln), Handanovic (Inter, 14), De Sanctis (Roma, 2), Marchetti (Lazio, 13)

Del Gigi nazionale non serve dire molto, avere davanti la difesa meno battuta dell’ultimo lustro aiuta e non poco; i reparti arretrati della Capitale sono un po’ più traballanti, ma sono pur sempre le difese meno battute dell’ultimo campionato dopo i Campioni d’Italia (e crediamo che Szczesny, oltre a creare infarti multipli durante l’asta, non ruberà così facilmente il posto al n° 12 giallorosso). Lo stesso non si può dire dello sloveno interista (48 gol subiti l’anno scorso), che però rimane il miglior pararigori del nostro campionato, quindi non sottovalutate i bonus che possono giungere ogni tanto.

DA EVITARE: Brkic (Carpi, 8), Leali (Frosinone, 8), Skorupski (Empoli, 9)

Non perché non crediamo nelle capacità di questi portieri, ma le neo-promosse non si distinguono certo per la solidità difensiva, mentre all’Empoli sono cambiate troppe cose rispetto lo scorso anno: su tutte la perdita di Rugani, che era tra i top5 difensori dello scorso anno. Se volete spendere poco, piuttosto orientatevi su Tatarusanu (4) e Sepe (10), che daranno vita ad un acceso ballottaggio a Firenze.

DIFENSORI

CERTEZZE: Bonucci (Juve, 13), Glik (Torino, 14), De Vrij (Lazio, 11)

Premesso che sale molta tristezza se si ripensa ai fenomeni che componevano la difesa nel “listone” di 7-8 anni fa (litigai per anni con un amico per la suddivisione di Nesta e Cordoba), questi 3 nominati sono imprescindibili per un reparto difensivo solido e non troppo costoso: l’olandese biancoceleste è tra i più lucidi e puliti, con pochissime ammonizioni a carico; lo juventino gode ancora della protezione di Chiellini e Barzagli, che ne esaltano le abilità (ma non chiamatelo Bonnibauer); il granata è tra i più rocciosi là dietro, prende voti alti, ed è pure molto attivo in zona gol (ben 7 lo scorso anno). Farete buoni affari anche con Manolas (11), Danilo (10) e Lichtsteiner (14), mentre molti amici di Twitter (@Dan_Maze su tutti) mi assicurano di non lasciarsi sfuggire il neo-friulano Adnan (5).

DA EVITARE: Juan Jesus (Inter, 6), Albiol (Napoli, 7), Alex (Milan, 7)

Lo spagnolo azzurro ha inanellato una pessima prestazione dietro l’altra lo scorso anno, coronando il tutto anche con 2 autogol; l’interista ha racimolato 14 ammonizioni e una media-voto nettamente inferiore al 6, come il compare Ranocchia (non proprio l’esempio cui ispirarsi per crescere); infine, non ha senso investire 7 fantamilioni sul milanista, disponibile in media 39 minuti al mese.

CENTROCAMPISTI

CERTEZZE: Candreva (Lazio, 23), Pogba (Juventus, 22), Nainggolan (Roma, 15)

Anche qui vorremmo piangere, ripensando agli anni in cui ci si scannava per i vari Kakà, Stankovic, Nedved, ecc. Acquistando uno dei tre nominati, avrete la certezza di avere una media-voto sempre alta, pochi cartellini (escluso forse il belga romanista), una buona dose di assist e parecchi gol (rispettivamente 10, 8 e 5 lo scorso anno), senza considerare che il biancoceleste è pure rigorista. Vedremo se anche Anderson (Lazio, 24) e Bertolacci (Milan, 14) sapranno confermarsi a questi livelli.

DA EVITARE:  Hamsik (Napoli, 18), Honda (Milan, 9), Hernanes (Inter, 15)

Apparentemente 3 fenomeni della Serie A odierna, in realtà 3 giocatori che hanno bisogno di una scarica elettrica costante per giocare bene. Se l’esborso per Honda sarebbe tutto sommato modesto, non ha senso spendere quelle cifre per gli altri due, che non mettono in fila più di tre prestazioni positive. Non dovrete affidare a loro le fortune del vostro centrocampo.

ATTACCANTI

CERTEZZE: Icardi (Inter, 34), Higuain (Napoli, 32), Toni (Verona, 29)

I due capocannonieri dello scorso anno e il terminale offensivo del Napoli. In realtà l’unica certezza potrebbe sembrare Icardi, viste l’età sempre più avanzata del veronese e il difficile rapporto coi rigori dell’argentino. Oltre a questi, voglio sbilanciarmi anche su quella che (secondo me) sarà la vera sorpresa del prossimo anno: il neo-rossonero Bacca (27), ben più del neo-romanista Dzeko (26).

DA EVITARE: Cacia (Bologna, 12), Ibarbo (Roma, 11), Keita (Lazio, 13)

Anche in questo caso, non abbiamo a che fare con attaccanti scarsi: però il primo è il classico attaccante da serie cadetta, mentre non si è mai dimostrato all’altezza della A; gli altri due, oltre a non essere propriamente dei bomber implacabili, abbiamo ragione di credere che troveranno anche poco spazio, visti il mercato (è il caso della Roma) e le gerarchie offensive (Lazio). Non punteremmo troppo neppure su Luiz Adriano (Milan, 22) e Menez (Milan, 18).

1 commento su “Fantacalcio 2015-16: i consigli di IZC”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...