Top & flop 1° tappa Giro d’Italia

1° tappa: Cronometro a squadre Belfast-Belfast
Prima tappa e primi disastri della Corsa Rosa.
In una Belfast grigia come sempre, ma tinta di un magnifico rosa in ogni dove, la prima giornata di questa 97° edizione del Giro regala già le prime di tante edizioni che la bagarre ci riserverà.
Vediamo i TOP&FLOP della giornata:

TOP
ORICA GREENEDGE Abili ad approfittare degli unici 20 minuti di sole del Maggio irlandese, i bianco verdi d’Australia regalano a Svein Tuft un fantastico compleanno: 37 anni festeggiati con la Maglia Rosa! Beh, non male direi. Nota positiva per la maglia tricolore Ivan Santaromita, primo degli italiani, 6°.
OMEGA PHARMA QUICK STEP Prova maiuscola per i belgi di Rigoberto Uran, straordinari nel limitare il ritardo dai primi e infliggere i primi, durissimi ritardi agli avversari (+ 1’27 su Rodriguez). Il loro Giro, cominciato alla grande, promette spettacolo.
BMC I rossoneri di Cadel Evans trovano in Manuel Quinziato e Daniel Oss due splendidi motorini e si piazzano a soli 7 secondi dai vincitori. Cena pagata per entrambi, capito Cadel?
SKY La corazzata inglese di capitan Dario Cataldo resta in zona TOP nonostante i 35” di ritardo. In ottima compagnia vista la prova dell’ Astana (+30) di Scarponi e Aru.
CANNONDALE Solamente 50 secondi dai primi. Ivan Basso manda un segnale di guerra a tutti. Lui c’è, attenti a sottovalutarlo.

FLOP
KATUSHA Chissà quanto è contento Purito di iniziare il giro con 40 secondi di ritardo da Quintana, 1’30 da Uran, 1’25 da Evans. La rincorsa al primo posto sarà durissima. Squadra davvero sottotono, scarsissima.
MOVISTAR Se non fosse per i russi, sarebbe la delusione della giornata. Come si può avere in squadra Eros Capecchi e, soprattutto, Adriano Malori e non sfruttarli? Il minuto di ritardo dalla Orica è davvero pesante.
LAMPRE-MERIDA Quando il tuo uomo di classifica (Niemec) buca dopo 5 km dalla partenza del Giro d’Italia e devi fermarti ad aspettarlo il tuo Giro non è segnato, ma poco ci manca. Cunego e Ulissi potrebbero già mettersi in proprio e cercare il successo personale.
GARMIN-SHARP Dopo le prove generali alla Liegi-Bastogne-Liegi (caduto a 100 metri dal traguardo), l’idolo di casa Daniel Martin, irlandese puro come un setter, rovina a terra insieme ad altri quattro compagni, abbandonando la corsa dopo soli 15 minuti. Leggermente sfigata questa stagione, Daniel? E poi si sa, nessuno è profeta in patria.
RaiSport2 Lascia aperto il microfono all’occhialuta De Stefano la quale manda a ******** i suoi colleghi in diretta. Queste si che sono belle cose!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...